Archivi tag: infinito

Il dolce naufragio

IL DOLCE NAUFRAGIO .  e ‘l naufragar m’è dolce in questo mare                         Giacomo Leopardi  . Se vedi un’ombra che trascorre ignota tra gente ignara indifferente, quella son io ch’esule vivo quasi in un limbo buio di gioia senza dolore, … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Ancora versi

. ANCORA VERSI     Tu mi chiami. M’inviti a tracciare parole, dolci versi sul tuo niveo candore, pagina ancora pura, ancora muta. Rade parole stente l’animo detta in questo giorno grigio d’angoscia che m’annienta.   Eppure, dal tormento nasce … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Nell’azzurro

. NELL’AZZURRO                Isola del Giglio   Vedi? In quest’azzurro che l’anima dilata all’infinito – non sai se è cielo o mare – forse si sfaldano le pene come conchiglia fragile premuta tra le dita.                   Un gabbiano si … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

In volo

. La sete d’infinito mai può saziarsi sulla terra bruna di zolle arate, d’oro di secche stoppie e di spighe ondeggianti; splendore di natura che l’animo ristora, ma non libera da quell’amaro senso di mancanza, da quel vuoto profondo e … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Nell’azzurro

. NELL’AZZURRO Isola del Giglio Vedi? In quest’azzurro che l’anima dilata all’infinito – non sai se è cielo o mare – forse si sfaldano le pene come conchiglia fragile premuta tra le dita. Un gabbiano si posa sull’acqua, si lascia … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento